Welcome to Chilly Theme

Sea summo mazim ex, ea errem eleifend definitionem vim. Ut nec hinc dolor possim mei ludus efficiendi ei sea summo mazim ex.

Archive July 24, 2020

L’insostenibile lentezza degli atti

L'insostenibile lentezza degli atti

Il Movimento No Muos Sicilia si dice deluso per come siano andate fino ad oggi le cose e per quella sorta di ingenuità apparente che sembra caratterizzare le mosse di un Governo Regionale, che evidentemente non si mostra troppo deciso nei confronti di una potenza “sorda” come l’America. Si dice tuttavia fiducioso sulla “piega” che sembra aver preso, ieri, la politica regionale e si aspetta azioni più decise e soprattutto più rapide da parte dello stesso Governo.

L'insostenibile lentezza degli atti

Il Movimento si rende conto di come esistano tempi tecnici da rispettare, ma la presenza nel tavolo tecnico che si occuperà della faccenda di eminenti scienziati fra i quali il dott. Coraddu, il dott. Cottone e la prof.ssa Brea, ci fa ben sperare sulle reali intenzioni dell’Assemblea Regionale. La stessa affermazione che l’assessore ha fatto a proposito della tempistica, prevista per il completamento delle indagini e del susseguente, INEVITABILE, decreto di sospensione, anche nel caso in cui questo arrivasse a lavori ultimati, ci rende ancora più “fiduciosi”. Speriamo comunque che tutto avvenga nel più breve tempo possibile, preferibilmente, prima che le tre parabole siano collocate, onde evitare che ci si ritrovi in situazioni analoghe, esistenti in altre parti del territorio italiano.

Il provvedimento fantasma

Il provvedimento fantasma

Già una settimana fa, dopo l’azione di forza delle forze dell’ordine su ordine del Governo Nazionale, il Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta prometteva un provvedimento di sospensione immediata dei lavori nel cantiere del MUOS. Ad oggi, tuttavia, non si ha notizia di alcuna azione, a parte lettere e vuote prese di posizione. Nel frattempo i lavori continuano, come testimonia la foto qui a lato.

Il provvedimento fantasma

Apprendiamo da fonti all’ARS che Crocetta avrebbe avviato l’iter per la sospensione temporanea dei lavori, non per la revoca. Se ciò fosse vero, la tanto sbandierata volontà di giungere alla revoca si annacquerebbe in una più addomesticabile (e addomesticata) sospensione temporanea. Certo, sempre che arrivi in tempo: caro Presidente, sarebbe un bel paradosso se sospendesse i lavori a lavori ultimati …