Welcome to Chilly Theme

Sea summo mazim ex, ea errem eleifend definitionem vim. Ut nec hinc dolor possim mei ludus efficiendi ei sea summo mazim ex.

Archive September 24, 2020

In merito alle dichiarazioni di Crocetta riportate dalla stampa

In merito alle dichiarazioni di Crocetta riportate dalla stampa

Apprendiamo con profondo dispiacere che il neo-eletto Presidente Crocetta non rispetterà né l’impegno assunto in campagna elettorale, né la propria firma posta in calce alla nostra petizione popolare mirante alla revoca delle autorizzazioni.

Questo è quanto emerge dalle sue dichiarazioni circa l’incarico che intende dare all’Istituto Superiore della Sanità. Non riusciamo davvero a capire come il parere emesso sulle 41 antenne preesistenti possa incidere sulla valutazione della pericolisità del M.U.O.S. che potrebbe essere ultimato nelle prossime ore.

Non si può, altresì pensare che l’Istituto possa dare un parere scientificamente fondato, partendo dai rilevamenti già effettuati dall’ ARPA, che non rispettano le norme di legge. Altro sarebbe se i rilevamenti venissero effettuati ex novo, con l’impianto alla massima potenza e sotto la supervisione di un tecnico ARPA all’interno della base, come prescritto dalla vigente normativa.

L’unico effetto di questa azione sarà solo quello di dilatare i tempi permettendo l’ultimazione dei lavori all’interno della base NRTF-8. Il ”Sindaco dei siciliani” sembrerebbe, in tal modo, sottrarsi alle proprie responsabilità e alla parola data, dismettendo le vesti del ”rivoluzionario” e defilandosi cortesemente senza prendere le “decise” posizioni che aveva promesso.

Ci auguriamo vivamente che riveda le sue affermazioni, dettate probabilmente dalla scarsa informazione. Come pensare di poter controllare reazioni e quant’altro, quando nelle nostre orecchie ancora riecheggia il suono delle parole di una sua dichiarazione, riguardo al Muos, ricca di significati “espressi” e non fraintendibili? Eccola: “Sono convinto che è dovere del nuovo Presidente della Regione revocare le autorizzazioni senza mezzi termini.”

In merito alle dichiarazioni di Crocetta riportate dalla stampa

Il Movimento No Muos Sicilia nei giorni scorsi ha chiesto ed ottenuto, tramite un suo rappresentante, nella persona di Rino Strano, un’audizione con il procuratore Giordano del Tribunale di Caltagirone, avente come oggetto il dissequestro dell’area ospitante il sistema di antenne militari americano (M.U.O.S) in costruzione a Niscemi, accogliendo il ricorso della V sezione del Tribunale della Libertà di Catania. I sigilli all’impianto erano stati messi il 6 ottobre scorso, lo stesso giorno della grande manifestazione nazionale organizzata dai comitati No Muos. La Procura di Caltagirone ha ricevuto le motivazioni del dissequestro e si è riservata di ricorrere in Cassazione formulando le opposizioni opportune. I termini di presentazione per tale ricorso purtroppo sono alquanto brevi, entro pochi giorni. Quindi è una corsa contro il temp , da parte di chi sta difendendo la nostra terra e la nostra salute. Infatti dovendo accogliere, il Tribunale della Libertà di Catania, il ricorso dell’avvocatura di stato, la struttura è tornata sotto il controllo del Ministero della difesa. Il reato contestato per cui erano stati messi i sigilli all’impianto era la violazione delle leggi sull’ambiente, in particolare dei vincoli imposti dal decreto istitutivo della Sughereta, l’area protetta su cui sorge l’eco-mostro.

Il Movimento No Muos Sicilia, pertanto, chiede al Sindaco di Vittoria Giuseppe Nicosia, di farsi portavoce celermente, presso il coordinamento dei sindaci No Muos, attivando i rispettivi uffici legali, affinché questi affianchino l’operato del procuratore Giordano, durante l’udienza in Cassazione. Altresì chiederà formalmente al neo Presidente della Regione Rosario Crocetta di deliberare, insieme alla giunta di governo, un atto di indirizzo con il quale si stabilisca la revoca delle inopportune autorizzazioni paesaggistiche concesse.

Annunciamo sin da ora che il Movimento No Muos Sicilia sta organizzando il territorio per una moblitazione a Palermo davanti il Parlamento Regionale, per far sentire forte la voce popolare che si sta opponendo a questo scempio sanitario e ambientale. Nei prossimi giorni i Comitati No Muos saranno presenti alla 46^ edizione della Fiera Emaia di Vittoria, con materiale informativo nonchè un banchetto per la petizione popolare da presentare al neo Governatore, ricordando così gli impegni assunti di fronte ai cittadini siciliani.

Cronistoria

Cronistoria

2012

Depositato il ricorso contro la decisione di annullamento del sequestro del cantiere della stazione M.U.O.S.14nov2012

La quinta sezione del Tribunale della Libertà di Catania annulla il decreto di sequestro del MUOS. Accolta la richiesta dell’Avvocatura dello Stato, vengono tolti i sigilli al cantiere e l’impianto viene restituito al Ministero della Difesa.28ott2012

Trapela la notizia che cinque persone siano state ascoltate a seguito del sequestro del cantiere della stazione MUOS.25ott2012

La Commissione Europea dichiara che istallazioni militari possono derogare da vincoli SIC, essendo progetti di difesa nazionale.17ott2012

In seguito all’audizione dei rappresentanti del movimento No MUOS, la Commissione Difesa della Camera dei Deputati richiede al Governo nazionale una moratoria sui lavori di costruzione del MUOS e sulle antenne esistenti.12ott2012

Grande manifestazione a Niscemi che vede sfilare 5000 persone fino alla base NRTF-8.6ott2012

La Procura di Caltagirone mette i sigilli al cantiere della stazione MUOS di Niscemi. Si ipotizzano reati ambientali.5ott2012

Audizione a Roma di una delegazione del movimento No MUOS, insieme alle istituzioni di Niscemi e Vittoria, alla Commissione Difesa della Camera dei Deputati e alla Commissione del Senato che si occupa di uranio impoverito.11set2012

Loockheed-Martin dichiara che i test sul primo satellite in orbita, il MUOS-1, sono completi e andati a buon fine.24lug2012

Lanciato il primo satellite MUOS-124feb2012

Anche il CGA rigetta il ricorso del Comune di Niscemi che chiede l’annullamento delle autorizzazioni per la costruzione della stazione MUOS.15gen2012

2011

I professionisti, incaricati dal Comune di Niscemi per valutare l’impatto ambientale del progetto MUOS, presentano una relazione in cui la valutazione dell’Università di Palermo è definita “incompleta e di scarsa attendibilità” e con una documentazione allegata “discordante, insufficiente e inadeguata”.4nov2011

Si apprende la notizia che il TAR di Palermo ha rigettato la richiesta di ordinanza cautelare avanzata dal Comune di Niscemi per sospendere i lavori di istallazione della stazione MUOS. Il sindaco annuncia un ricorso al CGA.13ott2011

Il Governatore siciliano e il Ministro della Difesa sottoscrivono un protocollo d’intesa per il quale la Ragione Sicilia si impegna a “concludere positivamente” l’iter di approvazione. Il Ministro promette di adottare le “necessarie misure di mitigazione” (tra cui la verniciatura “mimetica” delle parabole!) e le compensazioni si riducono alla ripavimentazione delle provinciali che insistono sulla base NRTF-8.1giu2011

Gli esperti dell’Università di Palermo incaricati dalla Regione Sicilia danno parere favorevole all’istallazione della stazione MUOS a Niscemi. L’esistenza di due contratti, per un valore complessivo di 70.000, stipulati dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo e dal Laboratorio di Ricerca dell’US Army – Dipartimento della Difesa, pone dubbi sull’indipendenza intellettuale degli esperti.22feb2011

In una seduta del Consiglio Comunale di Niscemi, il capo del secondo ufficio del gabinetto del Ministero della Difesa, che accomagna il Governatore siciliano precisa che la “rilocalizzazione” del MUOS è fuori discussione e conclude con quella che appare una velata minaccia: “esplicheremo tutte le potestà che la legge ci consente per ottenere questo risultato di difesa nazionale”.18feb2011

2009

L’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente approva il Decreto di riperimetrazione della Riserva “Sughereta”, che riduce sia la superficie della riserva, sia l’estensione delle aree classificate “zona A” (in cui è vietato realizzare costruzioni, elettrodotti, acquedotti, linee telefoniche ed impianti tecnologici a rete).30dic2009

In seguito ad un’interrogazione parlamentare, il Ministro della Difesa dichiara che: 1) “la stazione ricetrasmittente del sistema MUOS è stata localizzata, fin dalla richiesta degli USA, presso il sito telecomunicazioni di Niscemi”, 2) “i lavori di realizzazione del citato progetto non sono ancora iniziati”, 3) “alcuni tecnici statunitensi siano già in contatto con la locale ARPA , per consentire alla stessa di rilasciare tempestivamente all’Amministarazione Comunale competante il parere sul progetto in parola”, 4) “prima dell’avvio operativo del sistema, saranno effettuate le opportune verifiche da parte di un’apposita commissione”.19mar2009

La Regione ribadisce che l’iter approvativo del progetto MUOS rimarrà bloccato sino a quando l’assessorato non riceverà le caratteristiche tecniche del progetto, che richiederà alle autorità militari USA; il responsabile del progetto, infatti, non ritiene possibile fornire né informazioni tecniche, né i valori di campo elettromagnetico simulato ante e post operam.6mar2009

Nasce il coordinamento dei consigli comunali del comprensorio.4mar2009

Nasce il coordinamento dei sindaci del comprensorio.3mar2009

Nasce il coordinamento delle associazioni ambientaliste e socio-culturali “No al MUOS, sì alla difesa del territorio”.2mar2009

Manifestazione a Niscemi organizzata dal comitato studentesco del liceo scientifico locale, con la partecipazione di studenti del comprensorio.28feb2009

Il Consiglio Comunale di Niscemi approva una mozione contro l’istallazione della stazione MUOS.25feb2009

Nasce il primo comitato cittadino No MUOS.25feb2009

Il Sindaco di Niscemi emana una direttiva indirizzata al Capo Ripartizione Urbanistica, richiedendo l’avvio del riesame del nulla-ostarilasciato dal Comune riguardo l’istallazione della stazione MUOS.22feb2009

Presunta data di inizio dei lavori di movimentazione terra e di preparazione delle piattaforme per l’istallazione della stazione MUOS.19feb2009

Il Sindaco di Niscemi chiede all’Assessorato Regionale alla Sanità “ … i dati aggiornati dell’analisi della mortalità … e dei ricoveri ospedalieri… dove si evidenziano aumenti notevoli di neoplasie…” e all’ARPA “accertamenti… finalizzati a conoscere con certezza i dati analitici in modo da garantire lo stato di salute alla nostra popolazione”.22gen2009

2008

L’ARPA colloca quattro centraline idonee al rilevamento di campi elettromagnetici presso abitazioni civili in contrada Ulmo, all’interno della Sighereta di Niscemi.3dic2008

L’Assessore Regionale sollecita il CRPPN a fornire chiarimenti e un supplemento di istruttoria.8ott2008

Il Consiglio Regionale invia all’ARPA Sicilia la documentazione per l’istruttoria integrativa sulle refluenze delle emissioni elettromagnetiche sulle biocenosi presenti.8ott2008

Conferenza dei Servizi presso l’ARTA in cui è espresso parere di nulla osta da parte di tutti i convenuti, compreso il rappresentante del Comune di Niscemi.9set2008

U.S. Navy 41° Stormo di stanza a Sigonella inoltra alla Regione Siciliana e alla Ripartizione di Urbanistica del Comune di Niscemi il progetto di istallazione della stazione MUOS, con previsione di ubicazione nella base NRTF-8 all’interno della Sughereta di NIscemi.6ago2008

Il Servizio 2 VAS-VIA dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente trasmette il progetto di istallazione della stazione MUOS all’Amministrazione Comunale di Niscemi.18mar2008

2007

Decreto Assessore Territorio e Ambiente con il quale si trasferiscono agli enti locali i procedimenti di valutazione di incidenza.22ott2007

Il comando dell’Aeronautica militare di Sigonella inoltra il piano per l’istallazione della stazione MUOS all’Assessorato regionale territorio e ambiente.24gen2007

2006

La stazione di terra in un primo momento è prevista a Sigonella. Una simulazione informatica del sistema MUOS, fornita dai consulenti di Maxim Systems, dimostra che c’è il rischio che il MUOS faccia detonare i missili a bordo dei bombardieri di Sigonella. Questa relazione convince i vertici militari a spostare la stazione MUOS a Niscemi, nella base NRTF-8 già sotto il comando di Sigonella.10ott2006

Il Ministero della Difesa esprime parere favorevole al programma MUOS.